Ce blog vous propose un tour dans les ressources pédagogiques du fle sur la toile. Et pas seulement! Bienvenue à toutes et à tous!

domenica 1 maggio 2016

Eugenio Bennato - Mon père et ma mère



In Camerun è usanza associare al nome di battesimo di un neonato un aggettivo che rappresenta un’intuizione immediata sulla sua comparsa nel mondo o un buon augurio per la sua vita futura.
Eric nasce a Douala, capitale del Camerun, e l’aggettivo che gli viene assegnato è “Parfait”
Enrico Perfetto, come tanti giovani dell’Africa subsahariana, decide di partire e compiere l’impervia traversata del deserto, verso nord, verso il miraggio dello splendente Mediterraneo.
Lo incontro a Tangeri, dove la sponda europea sta lì separata da un braccio di mare, eppure irraggiungibile per una poderosa barriera della burocrazia intercontinentale. 
Eric Parfait si trova ad ascoltare la mia chitarra, e con tutti i pensieri che deve avere nella testa non rinuncia ad avvicinarsi a me e a porgermi un foglietto, con quattro versi da lui ha scritti a mano
“Mon père et ma mère
se sont connues dans la galère
comme heritage ils m’ont laissé
m’ont laissè dans la misère” 
(Mio padre e mia madre si son conosciuti in galera in eredità mi hanno lasciato mi hanno lasciato nella miseria)

È il punto di partenza per questo brano, che scrivo di getto per rappresentare lo squilibro contemporaneo tra un nord ovest veloce e potente e un sud lento e sognante nel suo affannoso cammino della speranza, e per evidenziare la fresca ricchezza che i padri e le madri, con la forza delle loro radici, riescono comunque a trasmettere alle nuove generazioni.

Eugenio Bennato


Texte:


Mon père et ma mère
se sont connus dans la galère
comme héritage ils m’ont laissé
m’ont laissé dans la misère

  Ed è con mio padre e con mia madre
che ho cominciato a maledire
la geometria di questo mondo
che non è esattamente tondo

  Perché è un mondo fatto a scale
e c’è chi scende e c’è chi sale
perché è una giostra che gira sempre
e c’è chi sale e c’è chi scende

  E chi è baciato dalla fortuna
chi non gliene va bene una
perché la scala da scalare
non è per tutti eguale

  Mon père et ma mère
se sont connus dans la galère
comme héritage ils m’ont laissé
m’ont laissé dans la misère

  Mon père et ma mère
pour faire la vie que moi j’espère
comme héritage ils m’ont laissé
sans passeport et sans papier

  Et en partant deDouala
du Cameroun au Nigeria
pour traverser le Sahara
jusqu’à la Méditerranée

et attraper la patera
pour accoster à Tarifa
t’as pas besoin de ton visa
mais de ta chance pour y arriver

  E non si può vivere senza amare
ma si può vivere senza padrone
e da mio padre e da mia madre
che ho imparato questa canzone

  E c’è chi è libero di viaggiare
e chi se viaggia è irregolare
con la sua carta d’identità
di Camerun e Senegal

  Perché nel mondo fatto a scale
c’è il superfluo c’è l’essenziale
c’è il nord ovest che comanda
e c’è il sud che canta

  Mon père et ma mère
se sont connus dans la galère
comme héritage ils m’ont laissé
m’ont laissé dans la misère

  Mon père et ma mère
pour faire la vie que moi j’espère
comme héritage ils m’ont laissé
sans passeport et sans papier

  Au Sahara nous sommes cent mille
à fuir toujours de la famine
et du démon qui nous retient
emprisonnés  dans notre pays

allons enfants de la patrie
nous vers la liberté d’autrui
ensemble dans le même chemin
les musulmans et les chrétiens

  E c’è la politica e c’è l’arte
e ce c’è chi resta e c’è chi parte
e c’è la guerra e c’è la festa
e c’è chi parte e c’è chi resta

  E c’è una favola del potere
e c’è una favola popolare
e da mio padre e da mia madre
me la son fatta raccontare

  E c’è una musica di fanfare
nel grande esercito coloniale
e c’è una musica della terra
nel sud che si ribella




Nessun commento:

Posta un commento